Due errori emotivi

Due errori emotivi

Le tue emozioni non sono il problema 

Mentre scrivevo diversi articoli, mentre parlo con persone ho pensato molto a due errori emotivi che quasi tutti commettono:

  1. Diamo la colpa alle emozioni per aver causato problemi, quando in realtà le emozioni sorgono per aiutarci ad affrontare i problemi
  2. Diamo la colpa alle emozioni per la mancanza di capacità emotive delle persone 

Li chiamo errori di attribuzione emotiva e sono ovunque!

Che cos’è un errore di attribuzione?

Fondamentalmente, è un errore identificare causa ed effetto.

Ecco una vera attribuzione: sta piovendo perché c’è un temporale sopra la testa in questo momento.

Ecco un’attribuzione sbagliata: piove perché ho una sfortuna terribile e la sfortuna è fuori ad aspettarmi.

La tua fortuna non ha nulla a che fare con il tempo, anche se a volte può sembrare così. Gli errori di attribuzione possono sembrare veri, ma poiché sono sbagliati, possono condurti su percorsi molto inutili.

Ad esempio, se attribuisci il tempo alla tua fortuna, potresti desiderare la fortuna invece di controllare il bollettino meteorologico. La tua attribuzione sbagliata ti porterebbe nella direzione sbagliata e ti farebbe perdere tempo (e saresti sorpreso dalla pioggia senza ombrello). Soffriresti anche per il tempo senza una buona ragione.

Comprendere causa ed effetto è importante, perché può aiutarci a capire chiaramente il mondo in modo da poter agire in modo efficace.

Errori nell’attribuzione emotiva

1. Incolpare le emozioni quando si verificano problemi

Per molti secoli ci è stato insegnato che le emozioni sono problemi; le emozioni erano erroneamente ritenute irrazionali, inaffidabili, non spirituali o inutili. Ci sono stati insegnati molti miti, come Il mito delle emozioni negative, e per lo più siamo stati scacciati dalle nostre emozioni.

Oggi ne sappiamo di più e comprendiamo che le emozioni sono aspetti vitali della nostra capacità di pensare, sentire, comprendere il mondo e agire in modo appropriato. Le emozioni ci aiutano in tutto ciò che facciamo e ogni emozione ci porta un insieme unico di doni, abilità e genialità.

Ma i nostri secoli di terribile educazione emotiva ci perseguitano e continuiamo a commettere due grandi errori di attribuzione emotiva. 

Primo, ogni volta che ci sono problemi, notiamo che ci sono sempre emozioni presenti. Più grande è il problema, più emozioni ci sono!

Se non capiamo che le emozioni vengono per aiutarci, potremmo incolpare le emozioni per il problema. Questo è un enorme errore di attribuzione.

Questo errore fa sì che le persone diffidino delle proprie emozioni e le odi persino. Ma le emozioni non sono il problema e non lo sono mai state.

Le tue emozioni identificano il problema e ti portano l’intelligenza, l’energia e le abilità di cui hai bisogno per affrontare il problema!

Quando puoi imparare il linguaggio delle tue emozioni e imparare a fare amicizia con loro, puoi cambiare la tua vita (e puoi cambiare il mondo).

Le tue emozioni non sono il problema; essi affrontano il problema.

2. Incolpare le emozioni per la mancanza di capacità emotive delle persone

Quando le persone pensano a emozioni come rabbia o invidia, spesso pensano agli scenari peggiori: persone che esplodono con la loro rabbia e feriscono le persone, o persone consumate dall’invidia e che afferrano troppo mentre tutti gli altri non ottengono nulla. 

Questi sono comportamenti terribili ed è facile capire perché le persone vedano erroneamente queste due emozioni come i colpevoli; tuttavia, la rabbia e l’invidia non sono da biasimare.

Tutte le tue emozioni ti portano doni e abilità, e tutte sono necessarie. La rabbia e l’invidia sono emozioni potenti che possono aiutarti a realizzare cose incredibili, ma devi sapere come lavorare con il potere che ti danno.

La rabbia ti aiuta a stabilire dei limiti intorno a ciò che apprezzi. Il modo in cui stabilisci i confini è dove entrano in gioco le tue capacità emotive.

Puoi stabilire dei limiti bene o male; puoi impostarli con crudeltà e ferire le persone; puoi impostarli con passività e confondere le persone; oppure puoi sistemarli con forza e gentilezza.

La tua rabbia è uno strumento che ti porta abilità specifiche. Il modo in cui usi lo strumento della tua rabbia dipende da te.

E l’ invidia ti aiuta a identificare le opportunità e a proteggere te stesso e gli altri nel mondo sociale del denaro, dei beni e del riconoscimento. Il modo in cui proteggi te stesso e gli altri è dove entrano in gioco le tue capacità emotive.

Puoi identificare bene o male opportunità e risorse: puoi concentrare tutto su te stesso e non lasciare nulla per gli altri; puoi dare troppo e ridurre le tue risorse; oppure puoi creare uguaglianza ed equità per te stesso e per tutti.

La tua invidia è uno strumento; come usi lo strumento della tua invidia dipende da te.

Le tue emozioni sono aspetti vitali della tua intelligenza, delle tue abilità sociali e della tua capacità di amare, sognare e guarire

Gli errori di attribuzione emotiva sono comprensibili perché ci è stato insegnato a diffidare, sopprimere e persino odiare le nostre emozioni. Ma noi e le nostre emozioni possiamo sopravvivere a qualsiasi tipo di cattivo allenamento, grazie al cielo.

Le tue emozioni, tutte, contengono doni, abilità e genio. Se puoi accoglierli, imparare la loro lingua e sviluppare le tue capacità emotive, puoi accedere al genio emotivo che ha vissuto dentro di te per tutta la vita.

Contattami senza impegno, questo programma sarà personalizzato, su misura alla tua persona.

“Se sei pronta per iniziare il tuo viaggio nella terra delle relazioni corpo-mente, libera da sensi di colpa, vergogna e biasimo, alla ricerca di potenziamento e guarigione o miglioramento, questo sito con suoi servizi è una guida e una risorsa preziosa”.

Disponibilità su misura

 

Dal Lunedì alla Domenica

Orari Diurni e Serali

H24/7

Tel: +39 3775258604

Se sei soddisfatta della tua vita, non solo stai vivendo bene, ma stai anche conducendo una vita felice.

. Pensiero Positivo Italia. – Legge di Attrazione OfficialMental Coach Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post