Fare tutto e non realizzare nulla

Fare tutto e non realizzare nulla

Il tempo vuoto è una medicina potente che può renderci più gioiosi e resistenti, ma è stranamente difficile da digerire. Nella nostra cultura, la stessa parola vuoto ha connotazioni negative: perdita, bisogno, desolazione, disperazione. La nostra ambivalenza verso il non fare nulla crea quella che gli psicologi chiamano una risposta di evitamento dell’approccio: desideriamo ardentemente una potente fonte di liberazione che sia proprio sotto i nostri nasi e faremo quasi tutto per evitarlo.

La maggior parte delle volte occupiamo il tempo in cose alla moda, su consigli di amici e parenti, guru, tuttologi, cose standard del web etc.

Voglio farti alcune domande;

  • Facciamo cose realmente utili a noi?
  • Quando le facciamo troviamo realmente la strada giusta? Se no, perché continuiamo a farle?
  • Vai verso la strada della conoscenza?
  • Ti senti di risolvere davvero il problema?
  • Quando apri la porta di casa, come stai? Come prima o stai bene anche il giorno dopo?
  • Arrivi alla conoscenza di te, del tuo corpo, delle tue emozioni?
  • Quando occupi il tuo tempo anche dopo mesi ti poni sempre le stesse domande? Oppure cambia la domanda ma il concetto rimane quello?

Purtroppo molto spesso facciamo cose solo per occupare il tempo, con la speranza di risolvere la situazione, trovare felicità o benessere. Investiamo soldi in tante cose dall’abbigliamento a sport che nemmeno ci piacciono pur di vivere sperando.

Sai perché succede? In tantissimi casi perché abbiamo realmente paura del cambiamento, abbiamo paura della felicità, abbiamo paura a entrare in vesti nuove.

Fare tutto, non realizzare nulla

Il risultato di questo inconscio braccio di ferro psicologico è che sprechiamo le nostre vite. Non facciamo le cose che porterebbero a compimento i nostri sogni, ma non abbracciamo nemmeno il vuoto. Invece, giochiamo a un centinaio di giochi di solitario al computer o restiamo al telefono con chiunque amici, familiari, viviamo nei social, e facciamo mille cose.

Ventisette secoli fa, un filosofo ha sottolineato “Lavoriamo con l’essere, ma il non essere è ciò che usiamo”. Lo stesso vale per i nostri programmi quotidiani: sono molto utili quando tengono aperti periodi di tempo in cui può manifestarsi la gioia di essere. Quando non onoriamo quella prospettiva trascorrendo del tempo con il vuoto, tendiamo a dimenticarla del tutto. Le nostre vite diventano uno sprint estenuante senza traguardo, senza un vero scopo e senza modo di vincere.

Perché non svuotiamo il nostro tempo

In generale, un programma fitto di appuntamenti è visto come il segno di una vita che sta arrivando, felice, conoscitiva; il tempo vuoto è per i perdenti. Non diciamo cose come “Quel giorno non arriverà per me, ho un sacco di tempo libero programmato” o “Ascolta, ho bisogno di cancellare, è appena arrivato un po ‘di tempo vuoto”. Parte del motivo è la nostra cultura: secondo la prospettiva occidentale, riempire ogni momento con attività “a valore aggiunto” è un segno di virtù e significato.

C’è una ragione ancora più profonda per cui possiamo evitare il tempo vuoto: per noi, non è veramente vuoto. È pieno di demoni: dolore, rabbia, ansia, senso di colpa, rimpianto. Infatti, quando qualcuno come mi dice che si sente vuota dentro, sospetto che le sue viscere siano in realtà imbottite di dolore psicologico non elaborato. Quelli di noi che si sentono più vittime d’impegni frenetici probabilmente stanno occupando il nostro tempo per distrarci dai demoni. Abbiamo preoccupazioni più immediate e urgenti, come piegare i nostri asciugamani in terzi perfetti o leggere ogni parola sul giornale di tutti i giorni. Questo è ciò che farebbe qualsiasi persona responsabile, giusto?

L’esperienza personale mi dice che non svuotare mai il nostro tempo è come non svuotare mai i nostri bidoni della spazzatura, le nostre vesciche o il nostro tratto digerente. Quelle immagini ti disgustano? Buono. Voglio che lo facciano. L’archetipo della persona virtuosamente troppo impegnata è così radicato nella nostra mentalità sociale che ci vuole un linguaggio forte per liberarsene.

Segni di sindrome da carenza di tempo vuoto

Per quanto l’immagine sia vile, credo davvero che la stitichezza sia la metafora più accurata del perpetuo eccesso di pianificazione. Quando una parte di me inizia a lamentarsi di quanto sia stressato dalla mia agenda traboccante, un’altra parte di me sa che sono pieno di … Quindi, comunque, più riempiamo il nostro tempo con compiti che non sono reali requisiti del nostro meglio vive, più ci sentiamo bloccati e a disagio. Se hai tre o più dei seguenti sintomi, probabilmente devi iniziare un miglioramento:

  • Irritabilità, sensazione di “sfilacciamento”
  • Noia (stranamente)
  • Sentirsi disconnesso anche quando si è in compagnia di altri
  • Non essere in grado di rilassarsi di notte o in vacanza
  • Un senso di non essere, non avere o non fare abbastanza

Le clienti che hanno questi sintomi mi dicono sempre che “devono fare qualcosa al riguardo”. La verità è che non devono fare nulla al riguardo. Per guarire, hanno bisogno di svuotare un po ‘di tempo, quindi sentire qualunque cosa si presenti, ragionare su cosa serve realmente. Quando questi sentimenti vengono vissuti consapevolmente (un processo che consente loro d’insegnarci le lezioni necessarie), scompaiono.

Un avvertimento: alcune emozioni non possono essere scaricate senza essere raccontate ad almeno un testimone compassionevole. La consulenza di qualsiasi tipo è in realtà solo assumere qualcuno per mantenere un periodo di tempo vuoto, durante il quale può provare il dolore che sta portando e sentirsi capita. Se non riesci a gestire il tempo vuoto, trova un professionista che possa ascoltare il tuo dolore. Quindi sentilo, esprimilo e guardalo scomparire. Lo farà. Non importa quanto spaventosi possano sembrare i tuoi demoni, il loro obiettivo non è mai ferirti. Vogliono solo, sempre, andarsene.

Voglio darti alcune linee guida:

  • Evita consigli standard
  • Attenta ai tuttologi o guru della vita
  • Attenta a percorsi con eccessi di fantasia, frasi fatte, aldilà etc etc.
  • Valuta con attenzione quello che ha fatto bene agli altri farà bene anche a me, ma contatta e chiedi info se può farti bene, un vero professionista ti dirà SI o NO con sicurezza
  • Evita di essere bloccata da partner, amici, parenti, chi ti vuole bene non asseconda, non blocca ma ti accompagna verso il miglioramento
  • Segui professionisti veri che ti possano dare info nei dettagli con sicurezza
  • Prendi con le pinze ogni consiglio dal web
  • Non cadere nei giudizi
  • Non avere paura del miglioramento
  • Attenta a fare le cose controvoglia
  • Capisco anche periodi con poche possibilità, ma ricorda che evitare le spese futili, chiudere con cose che non ti stanno aiutando potrai investire in percorsi per il tuo benessere è salutare in tutto
  • Evita la paura di metterti a nudo con un professionista

Ricorda che ogni cosa per la sua efficacia deve essere personalizzata alla tua situazione, un vero professionista da subito ti dice cosa devi fare.

Non puoi arrivare al tuo futuro desiderato se non inizi da un cambiamento costruendo il presente.

Voglio cogliere l’occasione per presentarti la Mappatura Yoni, Dedica 10 minuti e vedi se ti rappresenti in alcune cose, se si contattami per due info.

“Se sei pronta per iniziare il tuo viaggio nella terra delle relazioni corpo-mente, libera da sensi di colpa, vergogna e biasimo, alla ricerca di potenziamento e guarigione o miglioramento, questo sito con suoi servizi è una guida e una risorsa preziosa”.

Disponibilità su misura

 

Dal Lunedì alla Domenica

Orari Diurni e Serali

H24/7

Tel: +39 3775258604

Se sei soddisfatta della tua vita, non solo stai vivendo bene, ma stai anche conducendo una vita felice.

. Pensiero Positivo Italia. – Legge di Attrazione OfficialMental Coach Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post