L’erotismo dovrebbe far parte della cura di sè

L’erotismo dovrebbe far parte della cura di sè

Ci portiamo la responsabilità del nostro desiderio. Come mai? Perché il desiderio è espressione del nostro libero arbitrio. Nessuno può costringerci a volere. Quindi, se è nostro, è anche nostra responsabilità attivarlo. La libertà viene sempre con la responsabilità. Possiamo accenderci e possiamo spegnerci. Possiamo avere pensieri che ci spegneranno istantaneamente e pensieri che ci terranno aperti alle possibilità e alla curiosità. Possiamo ravvivare noi stessi e possiamo intorpidire noi stessi. L’erotismo sboccia dalla tensione tra eccitazione e inibizione e si manifesta nelle cose che diciamo e facciamo, nel modo in cui agiamo e nel modo in cui pensiamo.  Tendiamo a pensare all’erotismo come a uno stato sessuale condiviso da due o più persone, ma in realtà inizia con l’individuo. E richiede pratica.

L’erotismo non ha età.

Spesso, lo spegnimento sembra l’unica cosa che possiamo controllare. Incorporare l’erotismo nei nostri piani di cura di sé può alterare la nostra relazione con il controllo e trasformare il nostro stato d’essere.

Cos’è L’erotismo? 

L’erotismo non è sesso; è la sessualità trasformata dall’immaginazione umana. Sono i pensieri, i sogni, l’anticipazione, gli impulsi indisciplinati e persino i ricordi dolorosi che compongono i nostri vasti paesaggi erotici. È energizzato dalla nostra intera esperienza umana, stratificata con le esperienze della prima infanzia di tocco, gioco o trauma, che in seguito diventano pietre miliari della nostra vita erotica.  Sappiamo che anche le cose che ci danno più piacere possono provenire dalle fonti più dolorose. L’erotismo non è comodo e pulito. Svela lotte interiori, tensioni emotive, un mix di eccitazione e ansia. L’erotismo si può imparare.

Leggi di più cos’è l’erotismo!?

Come Si Accede? 

Parlo spesso di come le donne conoscano solo un punto e un tempo limitato oppure con coppie afflitte dalla noia sessuale, si trovano in questa situazione limitata a causa della mancanza di gioco, conoscenza del proprio corpo, o scarsa voglia di esplorare con i loro partner. Entrambi entrano in un mondo chiamato Routine, dove tutto è scontato, soliti punti, solite situazioni, solito stimolo e piacere ecc, ecc.

Danno la priorità a farlo piuttosto che esplorare i desideri nascosti che li accendono. Lo stesso si può dire per l’individuo. Quando siamo da soli, sappiamo soprattutto cosa fa “il lavoro” fatto.  Porno. Giocattoli. Intensa concentrazione su uno specifico punto debole seguito da un rapido finale. Ma per sperimentare veramente i benefici dell’erotismo, non può essere trattato come un lavoro. Allora perché siamo così veloci? Abbiamo paura di cosa può succedere quando rallentiamo e trascorriamo davvero del tempo di qualità con noi stessi?

Ora più che mai, siamo i nostri osservatori, sperimentando il controllo sociale dall’interno. Misuriamo e giudichiamo noi stessi, sperimentando a volte il nostro corpo come una prigione piuttosto che come un castello pieno di stanze da esplorare a lungo.  E se lottiamo con l’essere all’interno dei nostri corpi, perché dovremmo prenderci il tempo per esplorarli? O del resto, come potremmo mai sentirci sicuri d’invitare qualcun altro a entrare? Non sto parlando solo di penetrazione. Sto parlando di entrare nella nostra personalità, i nostri sogni, chi siamo, il nostro cuore e la nostra anima. Molti di noi sono così autocritici che dimentichiamo queste meraviglie interiori. 

‍La cura di sé erotica senza oscillare tra l’eccesso e la repressione. Sto pensando alle molte persone che hanno descritto l’uso delle dita per scorrere la moltitudine di possibilità, meglio la fantasia che la realtà, in cui quelle stesse dita potrebbero essere usate per darsi piacere. 

Si Tratta Di Essere Ricettivi, Disponibili, Aperti E Reattivi.

Questi sono verbi molto importanti nel regno dell’erotico. Non si tratta di dire sì o no a tutto; si tratta di una volontà di essere influenzata, ricettiva, curiosa. Quando siamo chiusi per un periodo di tempo prolungato, non ci sentiamo aperti o reattivi. Vogliamo che gli altri ci facciano desiderare, ma non funziona così bene, ricordi? Volere è qualcosa che possediamo completamente. Nessuno può farci desiderare tranne noi stessi.

Desiderio e autostima vanno di pari passo. Per volere, dobbiamo sentirci meritevoli. Purtroppo, troppo spesso, quando non ci sentiamo attraenti, non riusciamo a immaginare che qualcun altro ci veda con occhi diversi da come vediamo noi stessi. E di certo non ci sentiamo di meritare il loro tocco sensuale o il nostro, se è per questo. Questo è uno dei modi in cui parla il rifiuto di sé. Voglio incoraggiarti a cambiare il copione:  merito una pausa. Merito di smettere di lavorare. Merito di sdraiarmi. Merito di farmi sentire bene. In quel sano senso di diritto, non produciamo nulla; non c’è niente da misurare. È un intermezzo radioso, una decisione di notare ciò a cui generalmente non prestiamo attenzione, di aprirci a ricevere e rispondere. 

Incorporare L’erotismo Nel Tuo Piano Di Cura Di Sé

La cura di sé non riguarda solo le maschere per il viso e la consapevolezza, anche se anche quelle sono fantastiche. Si tratta di entrare in sintonia con i nostri corpi e lasciare che ci insegnino cosa ci piace, cosa non ci piace e cosa non sappiamo ancora di noi stessi. Ci sono tanti modi per incorporare l’erotismo nel nostro piano di cura di sé, dall’integrazione di diversi tipi di tocco – energetico, affettuoso, sessuale ed erotico, all’esplorazione di massaggi, carezze, solletico e giochi stravaganti. Da bodyworker sessuologico, faccio un lavoro importante nello spiegare le fasi del tatto, a partire dal librarsi verso la guarigione e oltre. Lavoro anche con “Intelligenza somatica”, in cui insegno nell’arte della seduzione. Insegno la sicurezza, consapevolezza del corpo e come mantenere la tensione attraverso il movimento dell’atteggiamento.

Possiamo piangere quando dipingiamo, ascoltiamo musica, leggiamo o scriviamo, ma non possiamo piangere quando balliamo. Il corpo non ce lo permette; non può muoversi mentre piange. Per altri, potrebbe essere l’auto-calmante che deriva dall’automassaggio, quel dare e ricevere simultanei. Alcuni di noi trovano l’erotismo in molteplici pratiche come il tantra. Essere nel nostro corpo non riguarda le prestazioni o i risultati. Si tratta di tornare a casa. È una connessione piacevole e sensuale che ci ricorda che la vita vale la pena di essere vissuta anche quando soffriamo o lottiamo. Se vogliamo essere in grado di connetterci meglio con i nostri corpi, dobbiamo invitarci a esplorare diverse esperienze attorno ai nostri sensi e attorno alla nostra sensualità. Fare amicizia con i nostri corpi e fare pace con loro è l’inizio di una delle migliori relazioni che possiamo mai avere: la relazione con noi stessi. 

Amica mia è ora di dare più consapevolezza al proprio corpo, per ogni informazione contattami

“Se sei pronta per iniziare il tuo viaggio nella terra delle relazioni corpo-mente, libera da sensi di colpa, vergogna e biasimo, alla ricerca di potenziamento e guarigione o miglioramento, questo sito con suoi servizi è una guida e una risorsa preziosa”.

Disponibilità su misura

 

Dal Lunedì alla Domenica

Orari Diurni e Serali

H24/7

Tel: +39 3775258604

Se sei soddisfatta della tua vita, non solo stai vivendo bene, ma stai anche conducendo una vita felice.

. Pensiero Positivo Italia. – Legge di Attrazione OfficialMental Coach Francesco.

2 commenti

  1. Questa lezione mi sta aiutando a capirmi meglio e a realizzare i problemi che devo affrontare. Il sesso è davvero più di quanto il mondo lo dipinga. Incorpora davvero un’intera relazione, con te stesso e il tuo partner! Chi lo sapeva il desiderio ha avuto molto a che fare con la tua autostima e il modo in cui ti vedi. Spero di poter insegnare ai miei figli l’incredibile potenziale che l’intimità può avere nelle loro vite. Grazie di cuore. Sofia Milano

    • Ciao Sofia grazie, lusingato, si servirebbe di più educazione sessuale a chiunque, sono felice della tua espressione, grazie davvero, un abbraccio Francesco Diego 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti sul post